La sedazione dolce: il Protossido d’Azoto

La sedazione dolce: il Protossido d’Azoto

 

La paura del dentista è una delle paure più comuni nella nostra società.

Possibile che non sia ancora stato inventato un metodo per vivere lo studio dentistico in modo più rilassato?

Una buona notizia: il metodo c’è ed è utilizzato da più di 35.000 dentisti negli Stati Uniti!!

Viene chiamato Sedazione Cosciente Inalatoria con Protossido d’Azoto e si realizza tenendo una piccola mascherina profumata sul naso nel corso della seduta.

protossido2

Respirare una miscela di Protossido d’Azoto e Ossigeno permette di ottenere una serie di benefici, tutti utilissimi per le cure del dentista.

La sedazione cosciente inalatoria

  • rilassa, fa percepire le cure e l’ambiente più delicati e piacevoli e dà una piacevole sensazione di benessere.
  • alza la soglia del dolore cioè fa sentire meno le sensazioni ai denti e molto meno alle gengive.
  • toglie completamente quella fastidiosa sensazione di soffocamento o conato di vomito (chiamata tecnicamente “riflesso faringeo“) che molti pazienti di tutte le età provano quando gli si tocca la lingua o il palato.
  • è un metodo completamente personalizzabile in quanto la dose di protossido d’azoto può essere adattate alle esigenze e al piacere di ogni singolo paziente: durante la prima seduta viene individuato il livello adatto di riferimento per ognuno.

L’effetto della sedazione dura solo finché si respira la miscela di gas, senza alcuno strascico degli effetti.  Terminata la seduta, tutti i pazienti sono perfettamente vigili e coscienti, esattamente come quando sono arrivati. I pazienti adulti potranno perfino guidare!

Questa tecnica è utilizzata con gli adulti e soprattutto con i bambini che la vivono come un gioco semplice e divertente.

protossido1

 

Con i bambini è molto evidente l’effetto di rilassamento generale pur rimanendo perfettamente svegli.

Anche il ricordo della seduta risulterà più piacevole e sembrerà che la seduta sia stata molto più breve.

 

E’ una tecnica completamente priva di controindicazioni. Non può dare nessun tipo di allergia ed è particolarmente adatta per pazienti che non possono sopportare stress (molto ansiosi, cardiopatici, ipertesi, diabetici, epilettici).

 

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website

La cosa più importante in medicina?
Non è tanto la malattia di cui il paziente è affetto, quanto la persona che soffre di quella malattia.

[Attribuita ad Ippocrate – 460-377 a.C.]

Pin It on Pinterest

Share This